DNS How-To

Come diventare un piccolo amministratore DNS.

1. Preambolo

Parole-chiave: DNS, bind, bind-4, bind-8, named, dialup, ppp, slip,
isdn, Internet, domain, name, hosts, resolving, caching.


Questo documento fa parte del Linux Documentation Project.

2. Introduzione

DNS è il Domain Name System. DNS converte i nomi delle macchine negli
indirizzi IP che queste macchine hanno nella rete. In pratica fa
corrispondere i nomi agli indirizzi e viceversa, e in più fa qualche
altra cosa. Questo HOWTO spiega come definire questa corrispondenza
(mapping) usando un sistema Linux. Il "mapping" è semplicemente
un'associazione tra due cose, in questo caso si tratta del nome di una
macchina, come ftp.linux.org, e il numero IP (o indirizzo) della
stessa macchina 199.249.150.4.


DNS è, per i non iniziati (voi ;-), una delle aree più opache
dell'amministrazione di rete. Questo HOWTO cercherà di rendere più
chiare alcune cose. Esso descrive come impostare un semplice name
server DNS. Partendo da un server "caching only" per poi avviarsi
all'impostazione di un server DNS primario per un dominio. Per
configurazioni più complesse date uno sguardo alla sezione ``Domande e
Risposte'' di questo documento. Se non fosse descritto qui avrete
bisogno di leggere la Vera Documentazione. Tornerò più tardi su in
che cosa consista questa Vera Documentazione nell'``ultimo capitolo''


Prima che cominciate dovrete configurare la vostra macchina in modo
che possa fare "telnet" dentro e fuori di essa, e che possa
connettersi con successo alla rete, e in particolar modo dovreste
poter fare telnet 127.0.0.1 e ottenere la vostra stessa macchina
(provate subito!). Avrete anche bisogno di un buon /etc/nsswitch.conf
(oppure /etc/host.conf), e dei file /etc/resolv.conf e /etc/hosts come
punto di partenza, finché non spiegherò la loro funzione. Se non avete
già tutto questo impostato e funzionante il NET-3-HOWTO e il PPP-HOWTO
spiegano come farlo. Leggeteli.

Quando dico "la vostra macchina" intendo la macchina sulla quale state
cercando di impostare il DNS. Nessun'altra macchina che potreste avere
è coinvolta nel vostro lavoro.

Assumerò che non siate dietro un qualche tipo di firewall che blocca
le richieste di nomi. Se invece lo siete, avrete bisogno di una
speciale configurazione. Guardate la sezione ``Domande e Risposte''.


Il servizio di risoluzione dei nomi su Unix è fatto da un programma
chiamato named. Questo fa parte del pacchetto ``bind'' che è
coordinato da Paul Vixie dell'Internet Software Consortium. Named è
incluso in molte distribuzioni Linux e usualmente è installato come
/usr/sbin/named. Se avete named probabilmente potrete usarlo; se non
l'avete potrete prendere i binari da un qualunque sito ftp su Linux,
altrimenti prenderete i più recenti e grandiosi sorgenti da
ftp.isc.org:/isc/bind/src/cur/bind-8/. Questo HOWTO è riferito alla
versione 8 di bind. Le vecchie versioni dell'HOWTO che riferiscono a
bind 4 sono ancora disponibili presso
http://www.math.uio.no/~janl/DNS/ nel caso utilizzaste bind 4. Se la
man page di named fa riferimento (per precisione alla fine, nella
sezione FILES) a named.conf avete bind 8, se fa riferimento a
named.boot avete bind 4. Se avete il 4 e siete coscienti del problema
sicurezza dovreste aggiornare alla versione 8.


DNS è un database distribuito sulla rete (net-wide). Fate attenzione a
cosa ci metterete dentro. Se ci metterete spazzatura, voi e gli altri
ne ricaverete solo quella. Mantenete il vostro DNS snello e
consistente e così otterrete un buon servizio da esso. Imparate ad
usarlo, ad amministrarlo, a risolverne eventuali problemi, e
diventerete un altro buon amministratore che impedisce alla rete di
cadere sulle proprie ginocchia a causa della cattiva manutenzione.


In questo documento dichiaro nettamente una manciata di cose che non
sono prorpio corrette (sono comunque delle mezze verità). Tutto ciò
nell'interesse della semplificazione. Le cose, probabilmente ;-)
funzioneranno se crederete a quello che dico.
Suggerimento: Fate una copia di backup di tutti i file che vi chiederò
di modificare e che già avete, cosicché possiate tornare operativi
dopo aver visto che nulla funzionava.


3. Un name server caching only

Una prima pugnalata alla configurazione del DNS, molto utile per gli
utenti dial-up


Un name server caching only troverà le risposte alle richieste di nomi
e ricorderà le risposte quando la prossima volta ne avrete bisogno.
Questo abbrevierà signficativamente il tempo di attesa per le volte
successive, specialmente se avete una connessione lenta.


Prima di tutto vi occorre un file chiamato /etc/named.conf. Questo
viene letto quando named parte. Per adesso dovrebbe contenere
semplicemente:

______________________________________________________________________
// File di configurazione per un name server caching only

options {
directory "/var/named";

// Decommentatare questa cosa potrebbe aiutare se di deve passare
// attraverso un firewall e le cose non funzionano bene

// query-source port 53;
};

zone "." {
type hint;
file "root.hints";
};

zone "0.0.127.in-addr.arpa" {
type master;
file "pz/127.0.0";
};
______________________________________________________________________


La linea `directory' dice a named dove guardare per i file. Tutti i
file nominati in seguito saranno relativi a questa directory. Perciò
pz è una directory sotto /var/named, ovvero /var/named/pz. /var/named
è la giusta directory in accordo con il Linux File system Standard.


In questo è citato il file chiamato /var/named/root.hints.
/var/named/root.hints dovrebbe contenere questo: (Se avete intenzione
di fare copia e incolla di questo file da una versione elettronica di
questo documento per favore notate che non ci devono essere spazi
vuoti all'inizio del file, ovvero tutte le linee devono cominciare con
un carattere non-blank (non deve essere il carattere "spazio").
Alcuni software per il processing dei documenti inseriranno spazi
all'inizio delle linee, causando confusione. In questo caso rimuovete
i 2 spazi vuoti iniziali)

______________________________________________________________________
;
; There might be opening comments here if you already have this file.
; If not don't worry.
;
. 6D IN NS G.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS J.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS K.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS L.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS M.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS A.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS H.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS B.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS C.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS D.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS E.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS I.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS F.ROOT-SERVERS.NET.

G.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.112.36.4
J.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.41.0.10
K.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 193.0.14.129
L.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.32.64.12
M.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 202.12.27.33
A.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.41.0.4
H.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.63.2.53
B.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.9.0.107
C.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.33.4.12
D.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.8.10.90
E.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.203.230.10
I.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.36.148.17
F.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.5.5.241
______________________________________________________________________


Questo file descrive i root name server nel mondo. Esso cambia col
tempo e deve essere aggiornato se necessario. Leggete la sezione
``Manutenzione'' per sapere come fare.


La sezione successiva in named.conf è l'ultima zone. Spiegherò il suo
utilizzo nell'ultimo capitolo, per adesso create solo un file chiamato
127.0.0 nella subdirectory pz: (Ancora, se fate copia e incolla
rimuovete gli spazi iniziali)

______________________________________________________________________
@ IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
1 ; Serial
8H ; Refresh
2H ; Retry
1W ; Expire
1D) ; Minimum TTL
NS ns.linux.bogus.
1 PTR localhost.
______________________________________________________________________


Poi, avrete bisogno di un /etc/resolv.conf che somiglia vagamente a
questo: (togliete gli spazi!)

______________________________________________________________________
search sottodominio.proprio-dominio.edu proprio-dominio.edu
nameserver 127.0.0.1
______________________________________________________________________


La linea `search' specifica su quali domini deve avvenire la ricerca
per ogni nome di host al quale volete collegarvi. La linea nameserver
specifica l'indirizzo del vostro nameserver, in questo caso la vostra
stessa macchina poiché è qui che named lavora (127.0.0.1 è corretto,
non importa se la macchina ha già un altro indirizzo). Se volete
inserire più name server mettete una linea `nameserver' per ognuno di
essi. (Nota: named non legge mai questo file, il risolutore che usa
named invece sì.)


Vediamo cosa fa questo file: se un client cerca la macchina pippo,
allora il primo tentativo che verrà fatto sarà
pippo.sottodominio.proprio-dominio.edu, poi pippo.proprio-dominio.edu
e infine pippo. Se un client cerca sunsite.unc.edu, il primo tentativo
sarà sunsite.unc.edu.sottodominio.proprio-dominio.edu, poi
sunsite.unc.edu.proprio-dominio.edu e infine sunsite.unc.edu. Potreste
non voler mettere troppi domini nella linea di ricerca, si impiega del
tempo a provarli tutti.


L'esempio assume che voi facciate parte del dominio
sottodominio.proprio-dominio.edu, quindi, probabilmente, la vostra
macchina sarà propria-macchina.sottodominio.proprio-dominio.edu. La
linea di ricerca non dovrebbe contenere il vostro TLD (Top Level
Domain, `edu' in questo caso). Se avete spesso bisogno di collegarvi a
host in un altro dominio, potete aggiungere questo dominio in una
linea di ricerca come questa: (Ricordate di togliere gli spazi
iniziali, se presenti)

______________________________________________________________________
search sottodominio.proprio-dominio.edu proprio-dominio.edu altro-dominio.com
______________________________________________________________________


e così via. Ovviamente dovrete metterci domini reali. Per favore
notate l'assenza del punto alla fine dei nomi di dominio. Questo è
importante.


In seguito, a seconda della versione di libc che avete ci sarà bisogno
di sistemare /etc/nsswitch.conf o /etc/host.conf. Se avete già
nsswitch.conf sarà questo che sistemerete, altrimenti sarà host.conf.


/etc/nsswitch.conf


Questo è un grosso file che specifica dove ottenere diversi tipi di
dati, da quale file o database. Solitamente all'inizio contiene utili
commenti, che dovreste leggere. Poi cercate la linea che comincia per
`hosts:', si dovrebbe leggere:


______________________________________________________________________
hosts: files dns
______________________________________________________________________


(avete ricordato cosa fare degli eventuali spazi iniziali, vero? non
lo dirò più.)


Se non ci fosse una tale linea (che comincia per `hosts:') dovrete
metterla. Questa linea dice che i programmi devono per prima cosa
guardare nel file /etc/hosts, dopo devono usare il DNS in accordo con
resolv.conf.


/etc/host.conf


Probabilmente contiene numerose linee, una di queste dovrebbe
cominciare con order e somigliare a questa:


______________________________________________________________________
order hosts,bind
______________________________________________________________________


Se la linea `order' non ci fosse la dovrete aggiungere. Questa linea
dice alle routine predisposte alla risoluzione dei nomi che devono per
prima cosa guardare nel file /etc/hosts, dopo devono chiedere al name
server (che voi avete indicato in resolv.conf all'indirizzo
127.0.0.1).


3.1. Far partire named

Adesso è ora di far partire named. Se state usando una connessione
dial-up, per prima cosa collegatevi. Fate `ndc start', e premete
return, senza opzioni. Se non funziona provate `/usr/sbin/ndc start'.
Se non va leggete la sezione ``Domande e Risposte''. Se andate a
leggere il file che contiene il log di sistema (usualmente chiamato
/var/adm/messages, controllate anche la directory /var/log e un altro
file da controllare in questa è syslog) quando named parte (fate tail
-f /var/log/messages) dovreste leggere qualcosa di simile a:


(le linee che terminano per \ continuano sulla linea successiva)


Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: starting. named 8.1.1 Sat Feb 14 \
00:18:20 MET 1998 ^Ijanl@roke.uio.no:/var/tmp/bind-8.1.1/src/bin/named
Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: cache zone "" (IN) loaded (serial 0)
Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: master zone "0.0.127.in-addr.arpa" \
(IN) loaded (serial 1)
Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: listening [127.0.0.1].53 (lo)
Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: listening [129.240.230.92].53 (ippp0)
Feb 15 01:26:17 roke named[6091]: Forwarding source address is [0.0.0.0].1040
Feb 15 01:26:17 roke named[6092]: Ready to answer queries.


Se ci sono messaggi d'errore significa che c'è un problema. Named
dirà il nome del file scorretto (uno tra named.conf e root.hints spero
:-)). Uccidete named e tornate indietro per controllare quel file.


Adesso potete testare la vostra configurazione. Usate nslookup per
esaminare il vostro lavoro.


$ nslookup
Default Server: localhost
Address: 127.0.0.1


Se corrisponde a quello che vedete significa che sta funzionando.
Altrimenti tornate indietro e ricontrollate tutto. Ogni volta che
cambiate il file named.conf dovete far ripartire named con il comando
ndc restart.


Adesso potete immettere una interrogazione (query). Cercate di fare il
look-up di macchine vicine a voi. pat.uio.no è vicina a me,
all'università di Oslo:


> pat.uio.no
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

Name: pat.uio.no
Address: 129.240.130.16


nslookup adesso ha chiesto al vostro named di cercare la macchina
pat.uio.no. Poi contatta una delle macchine name server indicate nel
file root.hints, e chiede loro la strada per arrivarci. Potrebbe
essere necessario un po' di tempo prima che sia disponibile il
risultato, come potrebbe essere necessario cercare in tutti i domini
elencati in /etc/resolv.conf.


Se lo chiederete nuovamente otterrete questo:

> pat.uio.no
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

Non-authoritative answer:
Name: pat.uio.no
Address: 129.240.2.50


Notate la linea ``Non-authoritative answer:'' che abbiamo ottenuto
questa volta. Significa che named non è uscito sulla rete per fare la
richiesta: l'informazione era già nella cache. Ma questa informazione
(memorizzata nella cache) potrebbe essere non aggiornata (scaduta).
Verrete informati di questa possibilità (molto piccola) con il
messaggio `Non-authorative answer:'. Quando nslookup risponde in
questo modo alla seconda richiesta per uno stesso host è sicuro che
named ha messo nella cache l'informazione e che sta funzionando. Si
esce da nslookup dando il comando `exit'.


3.2. Migliorarlo ancora

Nelle reti grosse, ben organizzate, accademiche o relative a ISP
(Internet Service Provider) scoprirete che a volte le persone che
lavorano sulla rete mettono a punto una gerarchia di impiego dei
server DNS, che aiuta ad alleggerire il carico sulla rete interna e
sui server esterni. Non è facile capire se vi trovate dentro o fuori
una rete. Comunque non è importante e usando il server DNS del vostro
provider come ``forwarder'' farete in modo che le risposte alle
vostre richieste siano più veloci e meno pesanti per la vostra rete.
Se usate un modem questa può essere una piccola vittoria. Tanto per
fare un esempio assumeremo che il vostro provider di rete (network
provider) abbia due name server e che voglia farveli usare, con numeri
IP 10.0.0.1 e 10.1.0.1. Allora nel vostro file named.conf, all'interno
della sezione d'apertura chiamata ``options'' inserite queste linee:


______________________________________________________________________
forward first;
forwarders {
10.0.0.1;
10.1.0.1;
};
______________________________________________________________________


C'è anche un trucco carino per le macchine dial-up che usano i
forwarder, è descritto nella sezione ``Domande e Risposte''.


Fate ripartire il vostro name server e testatelo con nslookup.
Dovrebbe funzionare bene.


3.3. Congratulazioni

Adesso sapete come impostare una versione con cache di named.
Prendetevi una birra, del latte o qualunque cosa vi piaccia per
celebrare l'evento.


4. Un semplice dominio

4.1. Ma prima un po' di teoria

Prima di iniziare veramente con questa sezione vi proporrò un po' di
teoria e un esempio su come il DNS lavora. E voi dovrete leggerlo
perché vi sarà utile. Se non ne avete voglia dovrete almeno dargli uno
sguardo veloce. Fate invece attenzione alle parti che dovrebbero
andare nel vostro file named.conf.


DNS è un sistema gerarchico, strutturato ad albero. L'apice è indicato
come `.' e pronunciato `root'. Al di sotto di . c'è un gran numero di
Top Level Domains (TLD), i più noti sono ORG, COM, EDU and NET, ma ce
ne sono molti altri. Proprio come in un albero esso ha la radice e si
dirama verso l'esterno. Se avete qualche conoscenza d'informatica
riconoscerete nel DNS un albero di ricerca, e scoprirete nodi, nodi-
foglia e spigoli.


Quando comincia la ricerca di una macchina la richiesta procede
ricorsivamente nella gerarchia, iniziando dall'apice. Se volete
trovare prep.ai.mit.edu il vostro name server dovrà prima scoprire
quale name server gestisce edu. Esso dunque chiede a uno dei . server
(sa già quali sono i server . , è a questo che serve il file
root.hints), e il . fornisce una lista dei server edu:


$ nslookup
Default Server: localhost
Address: 127.0.0.1

Iniziate a interrogare un name server:

> server c.root-servers.net.
Default Server: c.root-servers.net
Address: 192.33.4.12


Impostate il tipo di interrogazione (query type) su NS (name server
records):

> set q=ns


interrogate su edu:

> edu.


Il . finale qui è significativo, dice a nslookup che la nostra
richiesta è relativa a edu è direttamente sotto a . (e non sotto un
altro dominio presente nel search, questo velocizza la ricerca)


edu nameserver = A.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = H.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = B.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = C.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = D.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = E.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = I.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = F.ROOT-SERVERS.NET
edu nameserver = G.ROOT-SERVERS.NET
A.ROOT-SERVERS.NET internet address = 198.41.0.4
H.ROOT-SERVERS.NET internet address = 128.63.2.53
B.ROOT-SERVERS.NET internet address = 128.9.0.107
C.ROOT-SERVERS.NET internet address = 192.33.4.12
D.ROOT-SERVERS.NET internet address = 128.8.10.90
E.ROOT-SERVERS.NET internet address = 192.203.230.10
I.ROOT-SERVERS.NET internet address = 192.36.148.17
F.ROOT-SERVERS.NET internet address = 192.5.5.241
G.ROOT-SERVERS.NET internet address = 192.112.36.4


Questo significa che tutti i server ROOT-SERVERS.NET risolvono EDU.,
così potremo interrogare uno qualunque di essi. Continueremo a usare
il C. Adesso vogliamo sapere chi risolve il prossimo livello del
nostro nome di dominio: mit.edu.:


> mit.edu.
Server: c.root-servers.net
Address: 192.33.4.12

Non-authoritative answer:
mit.edu nameserver = W20NS.mit.edu
mit.edu nameserver = BITSY.mit.edu
mit.edu nameserver = STRAWB.mit.edu

Authoritative answers can be found from:
W20NS.mit.edu internet address = 18.70.0.160
BITSY.mit.edu internet address = 18.72.0.3
STRAWB.mit.edu internet address = 18.71.0.151

steawb, w20ns e bitsy risolvono mit.edu, ne sceglieremo uno e lo
interrogheremo sul prossimo livello ancora: ai.mit.edu:

> server W20NS.mit.edu.

I nomi di host non sono case sensitive, ma io uso il mouse per
tagliare e incollare così come vengono dallo schermo.


Server: W20NS.mit.edu
Address: 18.70.0.160

> ai.mit.edu.
Server: W20NS.mit.edu
Address: 18.70.0.160

Non-authoritative answer:
ai.mit.edu nameserver = ALPHA-BITS.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = GRAPE-NUTS.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = TRIX.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = MUESLI.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = LIFE.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = BEET-CHEX.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = MINI-WHEATS.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = COUNT-CHOCULA.AI.MIT.EDU
ai.mit.edu nameserver = MINTAKA.LCS.MIT.EDU

Authoritative answers can be found from:
AI.MIT.EDU nameserver = ALPHA-BITS.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = GRAPE-NUTS.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = TRIX.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = MUESLI.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = LIFE.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = BEET-CHEX.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = MINI-WHEATS.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = COUNT-CHOCULA.AI.MIT.EDU
AI.MIT.EDU nameserver = MINTAKA.LCS.MIT.EDU
ALPHA-BITS.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.32.5
GRAPE-NUTS.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.36.4
TRIX.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.37.6
MUESLI.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.39.7
LIFE.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.32.80
BEET-CHEX.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.32.22
MINI-WHEATS.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.54.11
COUNT-CHOCULA.AI.MIT.EDU internet address = 128.52.38.22
MINTAKA.LCS.MIT.EDU internet address = 18.26.0.36


Quindi muesli.ai.mit.edu è un nameserver per ai.mit.edu:


> server MUESLI.AI.MIT.EDU
Default Server: MUESLI.AI.MIT.EDU
Address: 128.52.39.7


Adesso cambio il tipo di interrogazione (query): abbiamo trovato il
name server e quindi vogliamo chiedere tutto ciò che muesli sa a
proposito di prep.ai.mit.edu.

> set q=any
> prep.ai.mit.edu.
Server: MUESLI.AI.MIT.EDU
Address: 128.52.39.7

prep.ai.mit.edu CPU = dec/decstation-5000.25 OS = unix
prep.ai.mit.edu
inet address = 18.159.0.42, protocol = tcp
ftp telnet smtp finger
prep.ai.mit.edu preference = 1, mail exchanger = gnu-life.ai.mit.edu
prep.ai.mit.edu internet address = 18.159.0.42
ai.mit.edu nameserver = beet-chex.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = alpha-bits.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = mini-wheats.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = trix.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = muesli.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = count-chocula.ai.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = mintaka.lcs.mit.edu
ai.mit.edu nameserver = life.ai.mit.edu
gnu-life.ai.mit.edu internet address = 128.52.32.60
beet-chex.ai.mit.edu internet address = 128.52.32.22
alpha-bits.ai.mit.edu internet address = 128.52.32.5
mini-wheats.ai.mit.edu internet address = 128.52.54.11
trix.ai.mit.edu internet address = 128.52.37.6
muesli.ai.mit.edu internet address = 128.52.39.7
count-chocula.ai.mit.edu internet address = 128.52.38.22
mintaka.lcs.mit.edu internet address = 18.26.0.36
life.ai.mit.edu internet address = 128.52.32.80


E così partendo da . abbiamo scoperto i name server successivi per
ogni livello nel nome di dominio. Se usavate il vostro server DNS
invece di tutti questi altri, il vostro named avrebbe naturalmente
messo nella propria cache tutte le informazioni trovate durante la
ricerca, e per un bel pezzo non le avrebbe più richieste.


Nell'analogo albero ogni ``.'' del nome rappresenta un punto di
diramazione. E le parti che stanno tra i ``.'' sono i nomi dei singoli
rami dell'albero.


Abbiamo scalato l'albero scegliendo un nome a piacere
(prep.ai.mit.edu), prima abbiamo scoperto la radice (.) e poi siamo
andati alla ricerca del prossimo ramo da scalare, nel nostro caso edu.
Una volta trovato questo, l'abbiamo scalato passando per il server che
conosceva questa parte di nome. Dopo abbiamo ricercato il ramo mit
sopra il ramo edu (per avere mit.edu) e abbiamo scalato anch'esso
sfruttando il server che conosceva mit.edu. Ancora, abbiamo cercato
ai.mit.edu come prossimo ramo, e per scalarlo abbiamo sfruttato il
server che lo conosceva. Adesso siamo arrivati al giusto server, al
giusto punto di diramazione. L'ultimo passo da fare è scoprire
prep.ai.mit.edu, ma è molto semplice. In informatica solitamente si
dice che prep è una foglia dell'albero.


Un dominio poco discusso in precedenza è in-addr.arpa. Anch'esso è
gestito come i domini normali. in-addr.arpa ci permette di ricavare il
nome dell'host quando abbiamo il suo indirizzo. Una cosa importante
da notare qua è che gli indirizzi IP sono scritti in ordine inverso
nel dominio in-addr.arpa. Se avete un indirizzo di una macchina:
192.128.52.43 named procede come nell'esempio prep.ai.mit.edu: scopre
il server arpa.. Scopre il server in-addr.arpa., scopre il server
192.in-addr.arpa., scopre il server 128.192.in-addr.arpa., scopre il
server 52.128.192.in-addr.arpa.. Scopre i record richiesti per
ricavare il nome di 43.52.128.192.in-addr.arpa.. Geniale ehh?? (dite
`Sì') Tuttavia, a livello teorico, la conversione dei numeri potrà
risultare difficoltosa per anni.


Ho detto una bugia. DNS non funziona precisamente come ho descritto.
Ma comunque in maniera simile a questa.


4.2. Il nostro dominio

Adesso definiremo il nostro dominio. Stiamo per creare il dominio
linux.bogus e per definire le macchine in esso. Utilizzo nomi di
dominio completamente fasulli per essere sicuro di non disturbare
nessuno. (Nessuno là fuori.)


Un'ultima cosa prima di iniziare: non tutti i caratteri sono permessi
nei nomi degli host. Siamo limitati ai caratteri dell'alfabeto
inglese: a-z, numeri: 0-9 e al carattere '-' (dash, trattino).
Ricordatevelo. Maiuscole e minuscole hanno lo stesso valore per il
DNS, così pat.uio.no è identico a Pat.UiO.No.


Abbiamo già iniziato questa parte con questa linea in named.conf:

______________________________________________________________________
zone "0.0.127.in-addr.arpa" {
type master;
file "pz/127.0.0";
};
______________________________________________________________________


Per favore notate in questo file l'assenza del `.' alla fine dei nomi
del dominio. Questo significa che ora definiremo la zona 0.0.127.in-
addr.arpa, che siamo il master server per essa e che essa è descritta
nel file chiamato pz/127.0.0. Abbiamo già impostato questo file:

______________________________________________________________________
@ IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
1 ; Serial
8H ; Refresh
2H ; Retry
1W ; Expire
1D) ; Minimum TTL
NS ns.linux.bogus.
1 PTR localhost.
______________________________________________________________________


Per favore notate in questo file il `.' alla fine di tutti i nomi di
dominio completi, in contrasto col file named.conf di prima. Alcune
persone hanno l'abitudine di iniziare ogni file relativo a una zona
con una direttiva $ORIGIN, ma questo è superfluo. L'origine (che
appartiene alla gerarchia del DNS) di un file zona è specificata nella
sezione delle zone nel file named.conf, in questo caso è 0.0.127.in-
addr.arpa.


Questo `file di zona' contiene 3 `record di risorse' (RR): un RR SOA,
un RR NS e un RR PTR. SOA è l'acronimo di Start Of Authority (Inizio
dell'Autorità). La `@' è una notazione speciale che indica l'origine,
e poiché la colonna `dominio' di questo file dice 0.0.127.in-addr.arpa
la prima linea in realtà significa:

0.0.127.in-addr.arpa. IN SOA ...

NS è il RR Name Server. Non c'è la '@' all'inizio di questa linea: è
implicita perché l'ultima linea comincia con la '@'. Questo fa
risparmiare un po' di battute sulla tastiera. In questo modo la line
NS può essere scritta:


0.0.127.in-addr.arpa. IN NS ns.linux.bogus


Essa dice al DNS quale macchina è il name server per il dominio
0.0.127.in-addr.arpa: è appunto ns.linux.bogus. È consuetudine
associare a `ns' la parola name server, analogamente ai web server che
di solito sono associati a www.qualcosa; il nome può però essere
qualunque.

E alla fine il record PTR dice che l'host all'indirizzo 1 nella
sottorete tt/0.0.127.in-addr.arpa/, ovvero 127.0.0.1 è chiamato
localhost.


Il record SOA è il preambolo di tutti i file di zona, e deve esisterne
esattamente uno in ogni file di zona. Questo record descrive la zona,
da dove esso viene (una macchina chiamata ns.linux.bogus), chi è
responsabile per i suoi contenuti (hostmaster@linux.bogus, dovrete
inserire il vostro indirizzo e-mail qui), quale è la versione del file
di zona (serial: 1), e altre cose che riguardano il server DNS
secondario o quello che fa da cache. Per il resto dei campi (refresh,
retry, expire e minimum) usate pure i valori indicati in questo HOWTO
e sarete a posto.


Adesso fate ripartire named (il comando è ndc restart) e usate
nslookup per esaminare cosa avete fatto:


$ nslookup

Default Server: localhost
Address: 127.0.0.1

> 127.0.0.1
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

Name: localhost
Address: 127.0.0.1


si ottiene localhost da 127.0.0.1, bene. Ora per il nostro scopo
principale, il dominio linux.bogus, inserite una nuova 'zona' in
named.conf:

______________________________________________________________________
zone "linux.bogus" {
notify no;
type master;
file "pz/linux.bogus";
};
______________________________________________________________________


Notate ancora l'assenza del `.' finale nel nome del dominio nel file
named.conf.


Nel file di zona linux.bogus metteremo dei dati completamente fasulli:

______________________________________________________________________
;
; File di zona per linux.bogus
;
; File di zona completo
;
@ IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
199802151 ; numero di serie, data di oggi + # di serie di oggi
8H ; refresh, secondi
2H ; retry, secondi
1W ; expire, secondi
1D ) ; minimum, secondi
;
NS ns ; Indirizzo Inet del name server
MX 10 mail.linux.bogus ; Mail Exchanger Primario
MX 20 mail.friend.bogus. ; Mail Exchanger Secondario
;
localhost A 127.0.0.1
ns A 192.168.196.2
mail A 192.168.196.4
______________________________________________________________________

Bisogna notare due cose a proposito del record SOA. ns.linux.bogus
deve essere una macchina effettiva con un record A. Non è legale avere
un record CNAME per la macchina indicata nel record SOA. Il suo nome
non deve essere per forza `ns', può essere un qualsiasi nome legale di
host. La seconda cosa, hostmaster.linux.bogus deve essere interpretato
come hostmaster@linux.bogus, questo dovrà essere un alias per un
indirizzo email vero, o una mailbox, purché la/le persona/e che
mantengono il DNS leggano la posta frequentemente. Ogni mail che
riguarda il dominio sarà spedita all'indirizzo indicato in questo
record. Il nome non deve essere per forza `hostmaster', potrà essere
un normale indirizzo email, di solito ci si aspetta che `hostmaster'
funzioni a dovere (cioè che la posta indirizzata ad esso arrivi da
qualche parte).


C'è un nuovo tipo di RR in questo file, MX o RR Mail eXchanger. Esso
indica ai sistemi adibiti allo smistamento della posta dove mandarla,
quando è ad esempio indirizzata a qualcuno@linux.bogus; nel nostro
caso si tratta di mail.linux.bogus o mail.friend.bogus. Il numero che
precede ogni nome di macchina indica la priorità del RR MX. Il RR con
il numero più basso (10) è quello che indica il mail server al quale,
se possibile, deve essere mandata la posta per primo. Se non
funzionasse la posta potrà essere spedita a un server con un numero
più alto, un mail server secondario, ovvero mail.friend.bogus che
appunto ha priorità 20 nel nostro caso.


Fate ripartire named con ndc restart. Esaminate i risultati con
nslookup:

$ nslookup
> set q=any
> linux.bogus
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

linux.bogus
origin = ns.linux.bogus
mail addr = hostmaster.linux.bogus
serial = 199802151
refresh = 28800 (8 hours)
retry = 7200 (2 hours)
expire = 604800 (7 days)
minimum ttl = 86400 (1 day)
linux.bogus nameserver = ns.linux.bogus
linux.bogus preference = 10, mail exchanger = mail.linux.bogus.linux.bogus
linux.bogus preference = 20, mail exchanger = mail.friend.bogus
linux.bogus nameserver = ns.linux.bogus
ns.linux.bogus internet address = 192.168.196.2
mail.linux.bogus internet address = 192.168.196.4


Con un accurato esame scoprirete un bug (un errore). La linea

linux.bogus preference = 10, mail exchanger = mail.linux.bogus.linux.bogus


è sbagliata. Dovrebbe essere:

linux.bogus preference = 10, mail exchanger = mail.linux.bogus


Ho deliberatamente fatto quest'errore in modo che impariate da esso
:-). Cercando nel file di zona scopriremo che alla linea


MX 10 mail.linux.bogus ; Mail Exchanger Primario


manca un punto. Oppure che ha un 'linux.bogus' di troppo. Se un nome
di macchina non finisce con il punto nel file di zona, l'origine viene
aggiunta alla sua fine causando il doppione linux.bogus.linux.bogus.
Dunque sia:


______________________________________________________________________
MX 10 mail.linux.bogus. ; Mail Exchanger Primario
______________________________________________________________________

oppure

_____________________________________________________________________
MX 10 mail ; Mail Exchanger Primario
______________________________________________________________________

è corretto. Io preferisco il secondo modo perché è più breve da
scrivere. Ci sono alcuni esperti di bind che non approvano, altri
invece sì. Quindi in un file di zona il dominio dovrebbe essere
scritto per intero e fatto terminare da un `.' o dovrebbe essere
escluso del tutto, in questo caso verrebbe sostituito dall'origine.


Devo stressarvi con la storia del file named.conf, non ci devono
essere `.' alla fine dei nomi di dominio. Non avete idea di quante
volte un `.' di troppo (o la sua assenza) abbia ingarbugliato le cose
e confuso delle indiavolate persone.


Dunque ecco qua il nuovo file di zona, con qualche informazione extra
messa nel modo giusto:

______________________________________________________________________
;
; File di zona per linux.bogus
;
; Il file di zona completo
;
@ IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
199802151 ; # di serie, data di oggi + # di serie di oggi
8H ; refresh, secondi
2H ; retry, secondi
1W ; expire, secondi
1D ) ; minimum, secondi
;
TXT "Linux.Bogus, il proprio consulente DNS"
NS ns ; Indirizzo Inet del name server
NS ns.friend.bogus.
MX 10 mail ; Mail Exchanger Primario
MX 20 mail.friend.bogus. ; Mail Exchanger Secondario

localhost A 127.0.0.1

gw A 192.168.196.1
HINFO "Cisco" "IOS"
TXT "Il router"

ns A 192.168.196.2
MX 10 mail
MX 20 mail.friend.bogus.
HINFO "Pentium" "Linux 2.0"
www CNAME ns

donald A 192.168.196.3
MX 10 mail
MX 20 mail.friend.bogus.
HINFO "i486" "Linux 2.0"
TXT "DEK"

mail A 192.168.196.4
MX 10 mail
MX 20 mail.friend.bogus.
HINFO "386sx" "Linux 1.2"

ftp A 192.168.196.5
MX 10 mail
MX 20 mail.friend.bogus.
HINFO "P6" "Linux 2.1.86"
______________________________________________________________________


Ci sono un sacco di nuovi RR qua: HINFO (Host Information) è composto
da due parti, è buona cosa dividerle entrambe con le virgolette. La
prima parte indica l'hardware o la CPU della macchina, e la seconda
parte il software o il S(istema)O(perativo) della macchina. La
macchina chiamata `ns' ha una CPU Pentium e Linux 2.0 come SO. CNAME
(Canonical Name) è un modo per dare a ogni macchina diversi nomi. Così
www è un alias per ns.


L'utilizzo del record CNAME è un po' controverso. Ma è bene seguire la
regola per cui un record MX, CNAME o SOA non dovrebbero mai riferirsi
a un record CNAME, dovrebbero far rifimento soltanto a qualcosa che
abbia un record A, cioè non è auspicabile avere

______________________________________________________________________
foobar CNAME www ; NO!
______________________________________________________________________


ma è corretto avere

______________________________________________________________________
foobar CNAME ns ; SÌ!
______________________________________________________________________


È anche consigliabile assumere che un CNAME non è un nome di host
legale per un indirizzo email: webmaster@www.linux.bogus è un
indirizzo email illegale generato dall'impostazione errata di cui
sopra. Anche se per voi funziona, qualche amministratore di server di
posta vi farà rispettare questa regola. Il modo per impedire tutto
questo è usare un record A (o anche un record tipo MX):


______________________________________________________________________
www A 192.168.196.2
______________________________________________________________________

Alcuni maghi-dell'architettura-di-bind raccomandano di non usare CNAME
per nulla. Ma la discussione sul perché o sul perché no va oltre
questo HOWTO.


Ma coma potrete notare, questo HOWTO e molti siti non seguono questa
regola.


Caricate il nuovo database facendo ndc reload, questo imporrà a named
di rileggere i suoi file.


$ nslookup
Default Server: localhost
Address: 127.0.0.1

> ls -d linux.bogus


Questo fa sì che vengano elencati tutti i record, risulta così:


[localhost]
$ORIGIN linux.bogus.
@ 1D IN SOA ns hostmaster (
199802151 ; serial
8H ; refresh
2H ; retry
1W ; expiry
1D ) ; minimum

1D IN NS ns
1D IN NS ns.friend.bogus.
1D IN TXT "Linux.Bogus, your DNS consultants"
1D IN MX 10 mail
1D IN MX 20 mail.friend.bogus.
gw 1D IN A 192.168.196.1
1D IN HINFO "Cisco" "IOS"
1D IN TXT "Il router"
mail 1D IN A 192.168.196.4
1D IN MX 10 mail
1D IN MX 20 mail.friend.bogus.
1D IN HINFO "386sx" "Linux 1.0.9"
localhost 1D IN A 127.0.0.1
www 1D IN CNAME ns
donald 1D IN A 192.168.196.3
1D IN MX 10 mail
1D IN MX 20 mail.friend.bogus.
1D IN HINFO "i486" "Linux 1.2"
1D IN TXT "DEK"
ftp 1D IN A 192.168.196.5
1D IN MX 10 mail
1D IN MX 20 mail.friend.bogus.
1D IN HINFO "P6" "Linux 1.3.59"
ns 1D IN A 192.168.196.2
1D IN MX 10 mail
1D IN MX 20 mail.friend.bogus.
1D IN HINFO "Pentium" "Linux 1.2"


È buono. Come potete vedere somiglia un sacco allo stesso file di
zona. Vediamo cosa dice per www da solo:


> set q=any
> www.linux.bogus.
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

www.linux.bogus canonical name = ns.linux.bogus
linux.bogus nameserver = ns.linux.bogus
linux.bogus nameserver = ns.friend.bogus
ns.linux.bogus internet address = 192.168.196.2


In altre parole, il vero nome diwww.linux.bogus è ns.linux.bogus, e vi
da qualche informazione a proposito di ns, abbastanza per connettervi
ad esso se voi foste un programma.

Ora siamo a metà strada.


4.3. La zona inversa (reverse zone)

Adesso i programmi possono convertire i nomi di linux.bogus negli
indirizzi a cui vorrebbero connettersi. Ma c'è bisogno anche della
zona inversa, un DNS tale da poter covertire un indirizzo in un nome.
Questo nome è utile a un sacco di server di diversi tipi (FTP, IRC,
WWW e altri) per decidere se colloquiare con voi o meno, e se si,
anche quanta priorità dovrà essere assegnata loro. Per un pieno
accesso a tutti i servizi su Internet è richiesta una zona inversa.

Mettete questo in named.conf:

______________________________________________________________________
zone "196.168.192.in-addr.arpa" {
notify no;
type master;
file "pz/192.168.196";
};
______________________________________________________________________


È esattamente come per 0.0.127.in-addr.arpa, e i contenuti sono
simili:

______________________________________________________________________
@ IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
199802151 ; # di serie, data di oggi + # di serie di oggi
8H ; Refresh
2H ; Retry
1W ; Expire
1D) ; Minimum TTL
NS ns.linux.bogus.

1 PTR gw.linux.bogus.
2 PTR ns.linux.bogus.
3 PTR donald.linux.bogus.
4 PTR mail.linux.bogus.
5 PTR ftp.linux.bogus.
______________________________________________________________________

Adesso fate ripartire named (ndc restart) e esaminate ancora il lavoro
con nslookup :

______________________________________________________________________
> 192.168.196.4
Server: localhost
Address: 127.0.0.1

Name: mail.linux.bogus
Address: 192.168.196.4
______________________________________________________________________

pare OK, elencate tutto per fare un esame accurato:
_____________________________________________________________________
> ls -d 196.168.192.in-addr.arpa
[localhost]
$ORIGIN 196.168.192.in-addr.arpa.
@ 1D IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
199802151 ; serial
8H ; refresh
2H ; retry
1W ; expiry
1D ) ; minimum

1D IN NS ns.linux.bogus.
1 1D IN PTR gw.linux.bogus.
2 1D IN PTR ns.linux.bogus.
3 1D IN PTR donald.linux.bogus.
4 1D IN PTR mail.linux.bogus.
5 1D IN PTR ftp.linux.bogus.
@ 1D IN SOA ns.linux.bogus. hostmaster.linux.bogus. (
199802151 ; serial
8H ; refresh
2H ; retry
1W ; expiry
1D ) ; minimum
______________________________________________________________________


Sembra buono! Se il vostro output non viene simile a questo guardate i
messaggi d'errore nel vostro syslog. Ho spiegato come farlo all'inizio
del capitolo.


4.4. Qualche parola di avvertimento

Ci sono delle cose che a questo punto vorrei aggiungere. I numeri IP
usati negli esempi sono stati presi dai blocchi delle "reti private",
cioè non è permesso usarli esplicitamente su Internet. Per questo sono
comodi da usare in un HOWTO. La seconda cosa riguarda la linea notify
no;. Dice a named che non deve notificare al suo server secondario
(slave, schiavo) quando riceve un aggiornamento di uno dei suoi file
di zona. In bind-8 named può notificare agli altri server quando
riceve un aggiornamento dei file di zona. Questo è utile nell'uso
comune, ma per gli esperimenti privati con le zone questa possibilità
deve essere esclusa, non vogliamo che i nostri esperimenti inquinino
Internet vero??

E naturalmente, questo dominio è veramente fasullo, e così tutti gli
indirizzi in esso. Per un vero esempio tratto dalla vita reale leggete
il prossimo capitolo.


4.5. Perché non funziona il lookup inverso (reverse lookup)

Ci sono un paio di ``grattacapi'' che possono essere normalmente
evitati quando si fa il lookup sempre degli stessi nomi (o dei nomi
per cui lo si fa più spesso) quando si imposta la zona inversa. Prima
che andiate avanti c'è bisogno che il lookup inverso funzioni bene sul
vostro nameserver. Se così non fosse, tornate indietro e mettetelo a
posto prima di continuare.

Discuterò due problematiche del lookup inverso viste dall'esterno
della vostra rete:


4.5.1. La zona inversa non è delegata

Quando chiedete a un provider di servizi un dominio e un intervallo di
indirizzi di rete, il dominio è normalmente delegato di conseguenza.
Una delega è quel record NS che tiene assieme il tutto, che vi
permette di passare da un nameserver all'altro come è stato spiegato
nella sezione teorica di sopra. L'avete letta vero? Se la zona inversa
non vi funziona tornate indietro e leggetela. Ora.


Anche la zona inversa deve essere delegata. Se avete ottenuto la rete
192.168.196 con il dominio linux.bogus dal vostro provider di servizi,
loro dovranno mettere un record NS nella vostra zona inversa così come
per la vostra zona di forward. Se seguirete la catena partendo da in-
addr.arpa fino alla vostra rete, probabilmente troverete
un'interruzione nella catena. Molto probabilmente a livello del
vostro service provider. Una volta scoperta l'interruzione contattate
il provider e chiedetegli di correggere l'errore.


4.5.2. Vi hanno dato una sottorete classless

Questo sarebbe un argomento un po' avanzato, ma le sottoreti classless
(senza classe) ormai sono molto comuni e probabilmente ne avete una a
meno che non siate un'azienda di media grandezza.


Una sottorete classless è ciò che oggi manda avanti Internet. Qualche
anno fa si è fatto molto rumore a causa della scarsità di numeri IP.
Le brillanti persone che lavorano al IETF (l'Internet Engineering Task
Force, sono loro che mantengono la funzionalità di Internet) unirono
le loro menti e risolsero il problema. Ma bisogna pagare un prezzo. Il
prezzo è che avrete meno che una sottorete di classe ``C'' e qualche
cosa potrebbe non funzionare. Leggete per favore Ask Mr. DNS at
http://www.acmebw.com/askmrdns/00007.htm per una buona spiegazione e
per come trattare il problema.

L'avete letto? Non sto per spiegarlo quindi leggetelo.

La prima parte del problema è costituita dal fatto che il vostro ISP
deve capire la tecnica descritta da Mr. DNS. Non tutti i piccoli ISP
hanno una chiara visione di questa. Se sarà il caso dovrete spiegar
loro come fare ed essere insistenti. Ma anche voi assicuratevi di aver
capito bene prima ;-). A questo punto loro imposteranno una buona zona
inversa sui loro server, e voi potrete esaminarla correttamente con
nslookup.


La seconda e ultima parte del problema è costituita dal fatto che voi
dovete comprendere la tecnica. Se non siete sicuri rileggetela ancora.
Dopo potrete impostare le zone inverse della vostra sottorete
classless come descritto da Mr. DNS.


Nei dontorni c'è un'altra trappola in agguato. I vecchi risolutori non
sono abilitati a sfruttare il trucco del CNAME nella catena della
risoluzione e falliranno nel tentativo di risolvere inversamente
(reverse-resolving) la vostra macchina. Questo problema può portare ad
assegnare al servizio una scorretta classe di accesso, all'accesso
negato o a qualcosa del genere. Se inciampaste in un servizio di
questo tipo l'unica soluzione (che io conosca) è che il vostro ISP
inserisca direttamente nel suo file di zona truccato (il file relativo
alla vostra zona classless) il vostro record PTR anziché il record
CNAME truccato (è un modo per ingannare il DNS e per fargli accettare
qualcosa per cui non è preparato).


Altri ISP offriranno diversi modi per risolvere questo problema, come
dei form via web (Web-based) che permettono di inserire i vostri dati
sulla zona inversa, oppure con altri sistemi "automagici".


5. Esempio di un vero dominio

Dove si elencano alcuni veri file di zona


Gli utenti mi hanno suggerito di includere un esempio reale di un
dominio funzionante come l'esempio di tutorial.


Utilizzo questo esempio col permesso concessomi da David Bullock di
LAND-5. Questi file risalgono al 24 Settembre 1996, successivamente
vennero da me modificati perché si adattassero alle restrizioni di
bind 8 e perché comprendessero delle estensioni. Questo implica che
quello che leggerete qua differisce un po' da quello che otterreste
facendo una query sul nameserver di LAND-5.


5.1. /etc/named.conf (o /var/named/named.conf)

Qui troveremo le sezioni relative alle due zone inverse richieste: la
rete 127.0.0, e la sottorete LAND-5 206.6.177. Poi c'è la linea
relativa alla zona di forward per land-5, land-5.com. Si noti come i
file siano stati sistemati nella directory chiamata zone anziché in pz
come ho fatto in questo HOWTO.


______________________________________________________________________
// Boot file for LAND-5 name server

options {
directory "/var/named";
};

zone "." {
type hint;
file "root.hints";
};

zone "0.0.127.in-addr.arpa" {
type master;
file "zone/127.0.0";
};

zone "land-5.com" {
type master;
file "zone/land-5.com";
};

zone "177.6.206.in-addr.arpa" {
type master;
file "zone/206.6.177";
};
______________________________________________________________________

Se aveste intenzione di usare queste righe nel vostro named.conf (ma
solo per gioco) PER FAVORE mettete ``notify no;'' nelle sezioni
relative alle due zone land-5 così da evitare incidenti.


5.2. /var/named/root.hints

Tenete a mente che questo è un file dinamico, e quello che c'è qua
sarà vecchio. È meglio che ne procuriate uno recente, con dig, come
verrà presto spiegato.
______________________________________________________________________
; <<>> DiG 8.1 <<>> @A.ROOT-SERVERS.NET.
; (1 server found)
;; res options: init recurs defnam dnsrch
;; got answer:
;; ->>HEADER<<- opcode: QUERY, status: NOERROR, id: 10
;; flags: qr aa rd; QUERY: 1, ANSWER: 13, AUTHORITY: 0, ADDITIONAL: 13
;; QUERY SECTION:
;; ., type = NS, class = IN

;; ANSWER SECTION:
. 6D IN NS G.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS J.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS K.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS L.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS M.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS A.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS H.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS B.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS C.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS D.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS E.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS I.ROOT-SERVERS.NET.
. 6D IN NS F.ROOT-SERVERS.NET.

;; ADDITIONAL SECTION:
G.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.112.36.4
J.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.41.0.10
K.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 193.0.14.129
L.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.32.64.12
M.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 202.12.27.33
A.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 198.41.0.4
H.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.63.2.53
B.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.9.0.107
C.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.33.4.12
D.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 128.8.10.90
E.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.203.230.10
I.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.36.148.17
F.ROOT-SERVERS.NET. 5w6d16h IN A 192.5.5.241

;; Total query time: 215 msec
;; FROM: roke.uio.no to SERVER: A.ROOT-SERVERS.NET. 198.41.0.4
;; WHEN: Sun Feb 15 01:22:51 1998
;; MSG SIZE sent: 17 rcvd: 436
______________________________________________________________________

5.3. /var/named/zone/127.0.0

Solo lo stretto necessario, il record obbligatorio SOA, e un record
che mette in corrispondenza 127.0.0.1 con localhost. Entrambi sono
richiesti. Non deve esserci nient'altro in questo file. Probabilmente
non ci sarà mai bisogno di aggiornare questo file, a meno che non
cambino gli indirizzi del nameserver o hostmaster.

______________________________________________________________________
@ IN SOA land-5.com. root.land-5.com. (
199609203 ; Serial
28800 ; Refresh
7200 ; Retry
604800 ; Expire
86400) ; Minimum TTL
NS land-5.com.

1 PTR localhost.
______________________________________________________________________


5.4. /var/named/zone/land-5.com

Qui possiamo vedere il record obbligatorio SOA e i record NS
richiesti. Si può vedere che è presente un nameserver secondario in
ns2.psi.net. Questo è come dovrebbe essere, è bene avere sempre un
server secondario fuori dalla vostra rete che faccia da backup. Si può
notare anche la presenza di un host principale (master host) chiamato
land-5 che si prende cura della maggior parte dei servizi Internet, e
questo è fatto tramite i record CNAME (alternativamente si possono
usare i record A).


Come si può vedere dal record SOA, il file di zona comincia con
land-5.com, la persona da contattare è root@land-5.com. Anche
hostmaster è spesso utilizzato per il responsabile di zona. Il numero
seriale è nel formato standard yyyymmdd (aaaammgg) con il numero che
indica il giorno (todays serial number) a seguire. Questa è forse la
sesta versione del file di zona del 20 settembre 1996. Ricordate che
il serial number deve essere incrementato in maniera monotonica, qui
c'è solo una cifra per i todays serial #, così dopo 9 volte che si è
editato il file bisogna aspettare il giorno successivo prima che si
possa editarlo di nuovo. Comunque considerate che si possono usare 2
cifre.

______________________________________________________________________
@ IN SOA land-5.com. root.land-5.com. (
199609206 ; serial, todays date + todays serial #
8H ; refresh, seconds
2H ; retry, seconds
1W ; expire, seconds
1D ) ; minimum, seconds
NS land-5.com.
NS ns2.psi.net.
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Exchanger
TXT "LAND-5 Corporation"

localhost A 127.0.0.1

router A 206.6.177.1

land-5.com. A 206.6.177.2
ns A 206.6.177.3
www A 207.159.141.192

ftp CNAME land-5.com.
mail CNAME land-5.com.
news CNAME land-5.com.

funn A 206.6.177.2

;
; Workstations
;
ws-177200 A 206.6.177.200
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177201 A 206.6.177.201
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177202 A 206.6.177.202
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177203 A 206.6.177.203
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177204 A 206.6.177.204
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177205 A 206.6.177.205
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
; {Many repetitive definitions deleted - SNIP}
ws-177250 A 206.6.177.250
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177251 A 206.6.177.251
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177252 A 206.6.177.252
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177253 A 206.6.177.253
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
ws-177254 A 206.6.177.254
MX 10 land-5.com. ; Primary Mail Host
______________________________________________________________________


Esaminando i nameserver di land-5 scoprirete che gli host hanno un
nome del tipo ws_numero. Con le ultime versioni di bind-4 named ha
iniziato a porre delle restrizioni sui caratteri che potevano essere
usati nei nomi di host. In questo HOWTO io ho sostituito '-' (dash,
trattino) con '_' (underline) in modo da uniformarmi alle regole di
bind-8 per i nomi di host.


Un'altra cosa da notare è che le workstation non hanno nomi
individuali, ma un prefisso seguito dalle ultime due parti del numero
IP. Usare delle convenzioni simili può semplificare significativamente
la manutenzione, ma può risultare impersonale e in effetti potrebbe
anche irritare i vostri clienti.


Vediamo anche che funn.land-5.com è un alias per land-5.com, ma ciò è
fatto tramite un record A, non con un record CNAME. Questo è un buon
modo di procedere.


5.5. /var/named/zone/206.6.177

Commenterò questo file più sotto.

______________________________________________________________________
@ IN SOA land-5.com. root.land-5.com. (
199609206 ; Serial
28800 ; Refresh
7200 ; Retry
604800 ; Expire
86400) ; Minimum TTL
NS land-5.com.
NS ns2.psi.net.
;
; Servers
;
1 PTR router.land-5.com.
2 PTR land-5.com.
2 PTR funn.land-5.com.
;
; Workstations
;
200 PTR ws-177200.land-5.com.
201 PTR ws-177201.land-5.com.
202 PTR ws-177202.land-5.com.
203 PTR ws-177203.land-5.com.
204 PTR ws-177204.land-5.com.
205 PTR ws-177205.land-5.com.
; {Many repetitive definitions deleted - SNIP}
250 PTR ws-177250.land-5.com.
251 PTR ws-177251.land-5.com.
252 PTR ws-177252.land-5.com.
253 PTR ws-177253.land-5.com.
254 PTR ws-177254.land-5.com.
______________________________________________________________________


La zona inversa costituisce quella fase della configurazione che causa
più grane. Essa serve a ricavare il nome di un host dall'indirizzo IP
di una macchina. Esempio: voi siete un server IRC e accettate
connessioni dai client IRC. Inoltre siete un server IRC Norvegese a
volete che queste connessioni provengano da client Norvegesi o da
altre nazioni Scandinave. Quando ricevete una richiesta di connessione
da un client la libreria C è in grado di dirvi il numero IP della
macchina che sta tentando la connessione, poiché il numero IP del
client è contenuto in ogni pacchetto che attraversa la rete. A questo
punto potrete chiamare una funzione chiamata gethostbyaddr che ricava
il nome di un host a partire dal suo indirizzo IP. Gethostbyaddr
interrogherà un server DNS, il quale attraverserà il DNS in cerca
della macchina. Supponiamo che il client si connetta da
ws-177200.land-5.com. La libreria C presente nel server ricava il
numero IP del client che tenta la connessione, in questo caso è
206.6.177.200. Per scoprire il nome di questa macchina bisogna prima
scoprire 200.177.6.206.in-addr.arpa. Il server DNS troverà prima i
server arpa., poi troverà i server in-addr.arpa., seguendo il percorso
inverso passando per 206, poi per 6 e alla fine troverà il server
responsabile per la zona 177.6.206.in-addr.arpa presso LAND-5. Da
questo finalmente si potrà ricavare che in 200.177.6.206.in-addr.arpa
c'è un record ``PTR ws-177200.land-5.com'', e questo significa che il
nome associato a 206.6.177.200 è ws-177200.land-5.com. Come è stato
detto per la spiegazione della ricerca (looking up) di
prep.ai.mit.edu, anche questa è leggermente fittizia.


Riprendiamo l'esempio del server IRC. Il server IRC accetta
connessioni solo da paesi Scandinavi, ovvero *.no, *.se, *.dk il nome
ws-177200.land-5.com non corrisponde a nessuno di questi ovviamente, e
il server negherà la connessione. Se non ci fosse la corrispondenza
inversa (reverse mapping) di 206.2.177.200 tramite la zona in-
addr.arpa il server sarebbe incapace di scoprire il nome e avrebbe
dovuto comparare 206.2.177.200 con *.no, *.se e *.dk, senza trovare
nessuna corrispondenza.


Alcune persone vi diranno che il mapping del lookup inverso è
importante solo per i server, o per nulla importante. Non è così:
molti server ftp, news, IRC e anche qualche server http (WEB) non
accetteranno connessioni da macchine per le quali non riescono a
trovare il nome. E così il mapping inverso diventa di fatto
obbligatorio.


6. Manutenzione

Mantenerlo operativo


C'è un altro compito di manutenzione che dovete fare sui named, oltre
a quello di tenerli operativi. Consiste nel mantenere aggiornato il
file root.hints. Il modo più semplice è usare dig, fate partire dig
senza argomenti, otterrete root.hints in accordo col quello che c'è
sul vostro server. Poi fate una richiesta a uno dei root server
elencati con dig @rootserver. Vedrete che l'output somiglierà
terribilmente al file root.hints. Salvatelo in un file (dig @e.root-
servers.net . ns >root.hints.new) e rimpiazzate il vecchio root.hints
con questo.


Ricordate di fare reload di named dopo aver rimpiazzato il cache file.


Questo script mi è stato mandato da Al Longyear, può essere fatto
partire automaticamente per aggiornare root.hints, impostate una riga
nel crontab che lo faccia partire una volta al mese e dimenticatelo.
Lo script assume che il vostro sistema di posta funzioni e che l'alias
di posta `hostmaster' sia definito. Dovrete editarlo perché si
conformi alle vostre esigenze.

______________________________________________________________________
#!/bin/sh
#
# Update the nameserver cache information file once per month.
# This is run automatically by a cron entry.
#
# Original by Al Longyear
# Updated for bind 8 by Nicolai Langfeldt
# Miscelanious error-conditions reported by David A. Ranch
# Ping test suggested by Martin Foster
#
(
echo "To: hostmaster <hostmaster>"
echo "From: system <root>"
echo "Subject: Automatic update of the root.hints file"
echo

PATH=/sbin:/usr/sbin:/bin:/usr/bin:
export PATH
cd /var/named

# Are we online? Ping a server at your ISP
case `ping -qnc 1 some.machine.net` in
*'100% packet loss'*)
echo "The network is DOWN. root.hints NOT updated"
echo
exit 0
;;
esac

dig @e.root-servers.net . ns >root.hints.new 2>&1

case `cat root.hints.new` in
*NOERROR*)
# It worked
:;;
*)
echo "The root.hints file update has FAILED."
echo "This is the dig output reported:"
echo
cat root.hints.new
exit 0
;;
esac

echo "The root.hints file has been updated to contain the following
information:"
echo
cat root.hints.new

chown root.root root.hints.new
chmod 444 root.hints.new
rm -f root.hints.old
mv root.hints root.hints.old
mv root.hints.new root.hints
ndc restart
echo
echo "The nameserver has been restarted to ensure that the update is complete."
echo "The previous root.hints file is now called
/var/named/root.hints.old."
) 2>&1 | /usr/lib/sendmail -t
exit 0
______________________________________________________________________


Qualcuno di voi potrebbe aver notato che il file root.hints è
disponibile anche in ftp da Internic. Per favore, non usate ftp per
aggiornare root.hints, il metodo sopra descritto è molto più
amichevole per la rete, e per Internic.


7. Convertire dalla versione 4 alla versione 8

Questa era originariamente una sezione sull'uso di bind 8, scritta da
Davie E. Smith (dave@bureau42.ml.org). L'ho rivista in modo da
conformarla al nuovo nome della sezione.


Non c'è molto. Eccetto che per l'uso di named.conf al posto di
named.boot, tutto è identico. E bind8 è fornito con uno script perl
che converte i file vecchio stile nel nuovo. Esempio di named.boot
(vecchio stile) per un name server che fa solo da cache (caching-
only):

______________________________________________________________________
directory /var/named
cache . root.hints
primary 0.0.127.IN-ADDR.ARPA 127.0.0.zone
primary localhost localhost.zone
______________________________________________________________________

Dalla linea di comando, nella directory bind8/src/bin/named (si assume
che abbiate la distribuzione dei sorgenti. Se avete il pacchetto dei
binari lo script sarà da qualche parte, comunque non so esattamente
dove dovrebbe stare. -ed-), digitate:

______________________________________________________________________
./named-bootconf.pl < named.boot > named.conf
______________________________________________________________________


Il quale crea named.conf:

______________________________________________________________________
// generated by named-bootconf.pl

options {
directory "/var/named";
};

zone "." {
type hint;
file "root.hints";
};

zone "0.0.127.IN-ADDR.ARPA" {
type master;
file "127.0.0.zone";
};

zone "localhost" {
type master;
file "localhost.zone";
};
______________________________________________________________________


Questo script funziona per tutto ciò che potrebbe stare dentro un file
named.boot, sebbene non aggiunga tutti i miglioramenti e le nuove
opzioni di configurazione che bind8 supporta. Qui c'è un named.conf
più completo, che fa le stesse cose ma che è appena più efficiente.
______________________________________________________________________
// This is a configuration file for named (from BIND 8.1 or later).
// It would normally be installed as /etc/named.conf.
// The only change made from the `stock' named.conf (aside from this
// comment :) is that the directory line was uncommented, since I
// already had the zone files in /var/named.

options {
directory "/var/named";
datasize 20M;
};

zone "localhost" IN {
type master;
file "localhost.zone";
};

zone "0.0.127.in-addr.arpa" IN {
type master;
file "127.0.0.zone";
};

zone "." IN {
type hint;
file "root.hints";
};
______________________________________________________________________


Trovate questo file nella distribuzione di bind8, nella directory
bind8/src/bin/named/test, insieme a copie dei file di zona, che
possono essere prese e usate immediatamente.
I formati dei file di zona e root.hints sono identici, così come i
comandi per aggiornarli.


8. Domande e risposte

Per favore leggete questa sezione prima di scrivermi in email.


1. Il mio named vuole il file named.boot


State leggendo l'HOWTO sbagliato. Leggete per favore la vecchia
versione di questo HOWTO, che tratta bind 5, presso
http://www.math.uio.no/~janl/DNS/


2. Come si usa il DNS dall'interno di un Firewall?


Un indizio: forward only; probabilmemte avrete bisogno anche della
riga

___________________________________________________________________
query-source port 53;

___________________________________________________________________


all'interno della parte ``options'' del file named.conf come suggerito
nella sezione-esempio ``Un name server caching only.''


3. Come fare in modo che il DNS distribuisca un servizio attraverso
gli indirizzi disponibili, tipo www.sito.occupato per ottenere un
effetto di bilanciamento, o simile??


Create numerosi record A per www.sito.occupato e usate bind 4.9.3 o
successivo. Poi sarà bind a far ruotare le risposte. Non funziona
con le precedenti versioni di bind.


4. Voglio impostare il DNS su una intranet (chiusa). Cosa devo fare?


Cancellerete il file root.hints e farete solo i file di zona.
Questo significa anche che non dovrete aggiornare i file di hint
tutte le volte.


5. Come si imposta un name server secondario (slave)?


Se il server primario/master ha indirizzo 127.0.0.1 mettete una
linea come questa nel file named.conf del vostro secondario:


___________________________________________________________________
zone "linux.bogus" {
type slave;
file "sz/linux.bogus";
masters { 127.0.0.1; };
};

___________________________________________________________________


Potrete elencare numerosi master server alternativi, la zona può
essere copiata da dentro la lista masters, separata da ';'.


6. Vorrei bind in esecuzione quando mi disconnetto dalla rete.


Ci sono quattro articoli che riguardano questo:


· Specifico per bind 8, Adam L. Rice mi ha mandato questa email, su
come far funzionare tranquillamente il DNS su una macchina dial-up:


Ho scoperto che con le ultime versioni di BIND questo [<em/mischiare i
file, -ed/] non è più necessario. C'è una direttiva "forward" oltre a
quella "forwarders" che controlla come queste vengono
usate. L'impostazione di default è "forward first", la quale prima
chiede a ognuno dei forwarder, e poi se il tentativo fallisce, prova
da sola a fare il lavoro seguendo un normale approccio. Questo
implica un normale comportamento di gethostbyname() e impiega una
quantità spropositata di tempo quando il link non è attivo. Ma se
"forward only" è l'impostazione scelta, allora BIND si blocca quando
non riesce a ottenere una risposta dai forwarders, e gethostbyname()
si ferma immediatamente. Quindi in questo caso non c'è bisogno di
smanettare con i file di /etc e di far ripartire il server.

Per quanto mi riguarda, ho solo aggiunto le linee

forward only;
forwarders { 193.133.58.5; };

nella sezione opzioni { } del mio file named.conf. Tutto ciò funziona
veramente bene. L'unico svantaggio è che questo riduce un software
incredibilmente complicato per il DNS allo stato di una stupida cache.
In un certo senso, io vorrei solo far fuzionare una stupida cache al
posto del DNS, ma ciò non sembra essere altro che un pezzo di software
disponibile per Linux.

· Ho ricevuto questa mail da Ian Clark <ic@deakin.edu.au> dove egli
spiega come affronta il problema:

Faccio partire named sulla mia macchina che fa servizio di 'Masquerading'
(mascheramento). Ho due file root.hints, uno chiamato root.hints.real che
contiene i veri nomi dei root server e l'altro chiamato root.hints.fake
che contiene...

----
; root.hints.fake
; this file contains no information
----

Quando vado off line copio il file root.hints.fake su root.hints e
faccio ripartire named.

Quando vado on line copio root.hints.real su root.hints e faccio
ripartire named.

Tutto ciò viene eseguito da ip-down e ip-up rispettivamente.

La prima volta che faccio una richiesta (query) off line, named non
avendo dettagli su di essa lascia una riga simile a questo messaggio...

Jan 28 20:10:11 hazchem named[10147]: No root nameserver for class IN

con la quale posso convivere.

Questo per me funziona certamente. Posso usare il nameserver per le
macchina locali quando sono fuori dalla rete senza il ritardo del
timeout per i nomi di dominio esterni e mentre sono collegato alla rete
le richieste (query) per i domini esterni funzionano normalmente.


· Ho ricevuto anche informazioni su come bind intergisce con NFS e
con il portmapper su una macchina generalmente offline da Karl-Max
Wanger:


Sono abituato a eseguire il mio named su tutte le mie macchine che
solo occasionalmente sono connesse a Internet via modem. Solo il
nameserver fa da cache, esso non ha un'area di autorità e chiede
qualunque cosa ai nameserver del file root.cache. Come è prassi comune
con Slackware, viene fatto partire prima di nfsd e mountd.

Con una delle mie macchine (un notebook Libretto 30), avevo il problema
che qualche volta avrei voluto fare il mount di essa da un altro sistema
connesso alla mia rete locale, ma la maggior parte delle volte non
funzionava. Avevo lo stesso effetto usando indistintamente PLIP, una
scheda ethernet PCMCIA o il PPP su una interfaccia seriale.

Dopo qualche supposizione e esperimento scoprii che apparentemente
named incasinava il processo di registrazione con portmapper che nfsd
e mountd devono fare all'avvio (faccio partire questi demoni all'avvio
come al solito). Eseguire named dopo nfsd e mountd elimina completamente
questo problema.

Anche se non ci sono svantaggi da attendersi da una sequenza di boot così
modificata, vorrei consigliare a tutti di farla in questo modo per prevenire
potenziali problemi.

· Infine, ci sono delle informazioni stile HOWTO su questo argomento
presso Ask Mr. DNS at http://www.acmebw.com/askmrdns/#linux-dialup.
Siccome sono a proposito di bind 4, dovrete adattare quello che
dice a bind 8.

7. Il caching name server memorizza la sua cache? C'è un modo per
controllare la dimensione della cache?


La cache è completamente immagazzinata in memoria, non verrà mai
scritta sul disco in nessuna occasione. Ogni volta che si blocca
named (con il comando 'kill') la cache è persa. La cache non è
controllabile in alcun modo. Named la gestisce in accordo a qualche
semplice regola e basta. Non potete controllare la cache o la sua
dimensione in nessun modo per nessuna ragione. Se questo non vi
andasse bene potrete sempre cercare di modificare named andando ad
agire sul codice sorgente di esso. Non è comunque un'operazione
raccomandabile.


8. Named salva la cache fra un riavvio e l'altro? Posso fare in modo
che la salvi?


No, named non salva la cache quando si ferma. Questo significa che
la cache deve essere ricostituita ogni volta che fermate e fate
ripartire named. Non c'è modo di salvare la cache in un file. Se
questo non vi andasse bene potrete sempre cercare di modificare
named andando ad agire sul codice sorgente di esso. Non è comunque
un'operazione raccomandabile.


9. Come si ottiene un dominio? Io vorrei impostare il mio dominio
chiamato (ad esempio) linux-rules.net. Come posso avere il dominio
che vorrei mi fosse assegnato?


Contattate per favore il vostro provider di servizi di rete. Loro
sapranno aiutarvi in questo. Sappiate che in molte parti del mondo
ci sarà bisogno di pagare per avere un dominio.


9. Come diventare un grande amministratore DNS

Documentazione e strumenti


Esiste della vera documentazione. Sia online che su carta stampata.
La lettura di buona parte di essa è necessaria per fare il passo
dall'amministratore DNS a tempo perso a quello a tempo pieno. Su carta
stampata il libro è DNS and BIND di C. Liu and P. Albitz edito dalla
O'Reilly & Associates, Sebastopol, CA, ISBN 0-937175-82-X. Io l'ho
letto, è eccellente, anche se basato su bind 4, ma questo non è un
grosso problema. C'è anche una sezione sul DNS sul libro TCP/IP
Network Administration, di Craig Hunt edito dalla O'Reilly..., ISBN
0-937175-82-X. Un altro ``must'' per la Buona amministrazione DNS (e
buono per qualsiasi altra cosa) è Zen and the Art of Motorcycle
Maintenance (Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta) di
Robert M. Pirsig :-) Disponibile come ISBN 0688052304 e altri.

Online troverte della roba presso <http://www.dns.net/dnsrd/> (DNS
Resources Directory), <http://www.isc.org/bind.html>; una FAQ, un
manuale di riferimento (BOG; Bind Operations Guide) oltre che
documenti, definizioni di protocolli e trucchi (hacks) sul DNS (di
questi, la maggior parte, se non tutti, e alcune delle RFC elencate
sotto, sono anche contenuti nella distribuzione di bind). Io non ho
letto tutto, e infatti non sono un amministratore DNS a tempo pieno.
Arnt Gulbrandsen invece ha letto la BOG ed è rimasto meravigliato da
essa :-). Il newsgroup comp.protocols.tcp-ip.domains è relativo al
DNS. Inoltre come aggiunta a tutto questo ci sono numerose RFC sul
DNS, le più importanti sono probabilmente queste:

RFC 2052
A. Gulbrandsen, P. Vixie, A DNS RR for specifying the location
of services (DNS SRV), ottobre 1996

RFC 1918
Y. Rekhter, R. Moskowitz, D. Karrenberg, G. de Groot, E. Lear,
Address Allocation for Private Internets, 29/02/1996.

RFC 1912
D. Barr, Common DNS Operational and Configuration Errors,
28/02/1996.

RFC 1912 Errors
B. Barr Errors in RFC 1912, this is available at
<http://www.cis.ohio-state.edu/~barr/rfc1912-errors.html>

RFC 1713
A. Romao, Tools for DNS debugging, 03/11/1994.

RFC 1712
C. Farrell, M. Schulze, S. Pleitner, D. Baldoni, DNS Encoding of
Geographical Location, 01/11/1994.

RFC 1183
R. Ullmann, P. Mockapetris, L. Mamakos, C. Everhart, New DNS RR
Definitions, 08/10/1990.

RFC 1035
P. Mockapetris, Domain names -- implementation and
specification, 11/01/1987.

RFC 1034
P. Mockapetris, Domain names -- concepts and facilities,
11/01/1987.

RFC 1033
M. Lottor, Domain administrators operations guide, 11/01/1987.

RFC 1032
M. Stahl, Domain administrators guide, 11/01/1987.

RFC 974
C. Partridge, Mail routing and the domain system, 01/01/1986

Copyright (c) 2000-3000 by Ing. Eduardo Palena - Napolifirewall.com