Denunciare un crimine informatico in Italia

Internet è ormai qualcosa d' indescrivibile , ed è qui che tutte le persone di questo mondo si danno appuntamento per sbalordire e colpire, distrarre e vendere qualsiasi cosa essa sia .

In questo, naturalmente, sono comprese anche cose che sono  illegali; ma può anche accadere di rimanere noi stessi vittime di un crimine informatico.

Che cosa è un crimine informatico?

Per definirlo  mi rifaccio al codice penale, prendendo spunto dal contenuto  una pagina web di Antonio Magrì

( sul sito di Antonio Magrì è trattato in modo approfondito l'argomento sicurezza dei sistemi)


Legge del 23 Dicembre 1993 n. 547, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale N.305 del 30.12.1993

Violenza sulle cose (art. 1.1 - aggiunge il seguente comma dopo il secondo comma art. 392 C.P.): Si ha, altresì, violenza sulle cose allorchè un programma informatico viene alterato, modificato o cancellato in tutto o in parte ovvero viene impedito o turbato il funzionamento di un sistema informatico o telematico.

Attentato a impianti di pubblica utilità (art. 2.1 - sostituisce art. 420 C.P.): Chi commette un fatto diretto a danneggiare o distruggere sistemi informatici o telematici di pubblica utilità, ovvero dati, informazioni o programmi in essi contenuti o ad essi pertinenti

Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico (art. 4.1- aggiunge articoli dopo art. 615-bis C.P.):
[art. 615-ter] Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo

Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche (art. 6.1 - inserisce dopo l'articolo 617-ter C.P.):
[art. 617-quater] Chiunque fraudolentemente intercetta comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi, ovvero le impedisce o le interrompe

Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire od interrompere comunicazioni informatiche o telematiche
[art. 617-quinquies] Chiunque, fuori dai casi consentiti dalla legge, installa apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico ovvero intercorrenti tra più sistemi

Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche
[art. 617-sexies]
Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di arrecare ad altri un danno, forma falsamente ovvero altera o sopprime, in tutto o in parte, il contenuto, anche occasionalmente intercettato, di taluna delle comunicazioni relative ad un sistema informatico o telematico o intercorrenti tra più sistemi

Danneggiamento di sistemi informatici e telematici (art. 9.1 - aggiunge articolo dopo l'art. 635 C.P.):
[art. 635 bis] Chiunque distrugge, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui, ovvero programmi, informazioni o dati altrui

Frode informatica (art. 10.1 - aggiunge articolo dopo l'art. 640-bis del C.P.):
[art. 640-ter]
Chiunque, alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico o ad esso pertinenti procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno.

 

Polizia Postale segnalazioni di abusi o reati.

Segnalazioni di abusiUACI


Copyright (c) 2000-3000 by Ing. Eduardo Palena - Napolifirewall.com